...
Card image
Raccomandazioni #40: Heith – X, Wheel. Rituali di trasformazione

“X, Wheel” è un disco importante, suono che evoca una visione del mondo. Heith, nome d’arte di Daniele Guerrini, è cofondatore di Haunter records, etichetta milanese che si è fatta un nome nell’underground elettronico internazionale e ha restituito una carica politica radicale al panorama post-rave. Guerrini è stato anche tra i curatori artistici di Macao […]

Leggi di +
Card image
Raccomandazioni #39 : Il velo grigio che ci avvolge suonato dai Birds in Row

Lo vedete? C’è un lieve grigio sulle nostre teste, ci accompagna da anni ormai. Forse ci siamo abituati, non lo notiamo più. Eppure dovremmo notarlo, dovremmo anche impegnarci per mandarlo via, ma sembra che a molti di noi piaccia alla fine. Questo piccolo grigiume costante è incarnato da Gris Klein, l’ultimo disco dei Birds in […]

Leggi di +
Card image
Raccomandazioni #38: Marina Herlop – Pripyat

È da qualche mese che Pripyat, il nuovo disco di Marina Herlop, rimbalza lungo le mie giornate. L’ho scoperto totalmente a caso, quando una piattaforma di streaming mi ha suggerito l’ascolto di miu, e da allora la stessa piattaforma continua a suggerirmi pezzi dell’album ogni volta che un altro disco finisce. E io me li […]

Leggi di +
Card image
Nessuno ha fatto niente per la tua libertà. I Karate a Festivalle (Agrigento, Valle dei Templi, Estate 2022)

Nella vita di tutti (più o meno) ci sono corsi e ricorsi, occorrenze e ricorrenze, cicli che si aprono e che non si chiudono mai, lezioni che si imparano a stento e altre che non ti scordi più. Ad esempio, il fatto di avere una sorella più piccola di me, di circa quattro anni e […]

Leggi di +
Card image
Raccomandazioni #37: Nazamba, Poeta Guerriero

L’ho scoperto tardi, Nazamba. La sua dub poetry incendiava War, uno dei pezzi più devastanti mai prodotti da The Bug: Inna dis here war/ Ideological war/ An it’s a global war/ Technological war. Sarebbe un inno di pace, se non fosse che la voce cavernosa di Nazamba, sopra il dub nero pece di Kevin Martin, […]

Leggi di +
Card image
Raccomandazioni #36 : M.U.S.A. – il racconto distopico dei Lantern

Dopo due anni di silenzio, i Lantern sbucano dalla tana il 29 aprile di quest’anno per annunciare una nuova, e inaspettata, uscita. Stimolati a scrivere un nuovo disco da Presto!? Records, durante il 2021 concretizzano 5 pezzi poi registrati durante 5 giorni di convivio e lavoro a Villa Scorpioni, nella Romagna dove la band è […]

Leggi di +
Card image
FestiValle 2022 – 6th edition

Socio fondatore del network dei festival esperieziali siciliani “Sicilia Festival”, aderisce a “Jazz Takes The Green”, la rete dei festival jazz ecosostenibili, socio di “Italia Jazz”, la rete dei migliori festival italiani, FestiValle giunge alle sesta edizione, e lo fa col botto. Il programma è ricco e dal 4 al 6 agosto non so dirvi […]

Leggi di +
Card image
Raccomandazioni #35: Marc Prepus e la Vergogna

Marc Prepus è un artista a metà tra rapper, clown e teatrante di strada. I suoi due spettacoli, Big Caddyman e Machine Emotionnelle, sono delle catarsi sopra le righe condite da un umorismo queer. Lui è una figura tra un vecchio punk e una drag un po’ male in arnese, coi tacchi a spillo e il trucco che cola, uno zainetto rosa in spalla ma un flow degno di Eminem.

Leggi di +
Card image
IN MUSIC FESTIVAL #15

ZAGABRIA – 20-23.06.2022 “Come down off your throne and leave your body alone / Somebody must change / You are the reason I’ve been waiting all these years…”. Il viaggio verso la capitale croata che ha ospitato la 15sima edizione dell’InMusic Festival è iniziato con in testa le parole di Steve Winwood e la musica […]

Leggi di +
Card image
Raccomandazioni #34: Che botta i Futbolìn

Mi piace quando le band tirano fuori i dischi nuovi senza preavviso. In questo modo sembra una sorpresa, un regalo. Si evita pure quell’hype maledetto degli annunci e dei singoli che ti fa odorare il disco per settimane senza fartelo però ascoltare. Così è stato per i Futbolìn, che senza preavviso pubblicano il loro nuovo […]

Leggi di +
Card image
Raccomandazioni #33: Bob Vylan presents The Price of Life. Dopo la pandemia il mondo è diverso: fa ancora più schifo.

Mentre scrivo questo articolo – ironicamente isolato dal Covid in Inghilterra, Paese nel quale è stato dichiarato che Covid e isolamento non esistono più – la blasonata rapper britannica Little Simz dichiara di dover rimandare il suo tour in Nord America, perché non ce la farebbe coi costi. È una notizia che colpisce forte, e […]

Leggi di +
Card image
Raccomandazioni #32: Superare uniti, come i naïveté

Forse non lo è davvero, ma trovo divertente o quanto meno curioso che nonostante non vi conosca so dove eravate due anni fa nei giorni di aprile. Io ero a casa, e pure voi, e lo eravamo da un mese. Per alcuni è cambiato poco, per altri è stato addirittura bello, ma per molti non […]

Leggi di +
Card image
InMusic Festival 15th

Parliamo di festival. Parliamo di festival che in Italia non si riescono a fare ma all’estero si. Parliamo di grandi nomi a prezzi normali. Parliamo di chi non si trattiene e nonostante due anni di pandemia riesce a tirar su un signor festival, come si deve. Parliamo di InMusic Festival. Siamo in Croazia, a Zagabria. […]

Leggi di +
Card image
Raccomandazioni #31: Sincretico Modale – Lino Capra Vaccina

Nel mio pantheon personale la trinità dei M A E S T R I  è formata da Franco Battiato, Ennio Morricone e Lino Capra Vaccina.  Lino Capra Vaccina emerge come musicista nell’underground freak milanese, figlio di Barbonia City e delle comuni di Brera, agli inizi degli anni ’70, prendendo parte al collettivo Aktuala. Musiche mistiche, […]

Leggi di +
Card image
Raccomandazioni #30: Azu Tiwaline/Al Wootton – Alandazu EP.

Respiri percussivi dal Sahara a Londra. Azu Tiwaline vuol dire “Gli Occhi del Vento” in lingua Amazigh. Donia, la persona dietro il nome d’arte, è una donna tuniso-cambogiana, cresciuta in Costa d’Avorio e poi in Francia, dove ha mosso i suoi primi passi attraversando tutto lo spettro delle musiche elettroniche da ballo, dalla techno alla […]

Leggi di +
Card image
Raccomandazioni #29: Il sapore pungente degli Immortal Onion

La cipolla piace a molti, ma di certo non a tutti. Sarà per il sapore talvolta pungente e per la sua costante presenza in bocca anche a ore di distanza dal pasto. Potremmo quindi definire immortale l’essenza della cipolla, almeno fino al lavaggio dei denti e la masticazione di una serie di fresche gomme alla […]

Leggi di +
Card image
A Cresta Alta! Un festival per la ricerca.

Pochi mesi fa ho ricevuto una telefonata sconvolgente, Antonio non c’era più. Tra lo sconcerto e la tristezza abbiamo dovuto accettare la peggiore delle notizie. Ma tant’è che non avremmo potuto fare di più di quello, accettarlo, accettarlo a testa bassa. Durante la sua commemorazione però, tra ricordi di “lancio del giacchino” e musica, tra […]

Leggi di +
Card image
Raccomandazioni #28: Iceboy Violet – The Vanity Project

The Vanity Project è il mixtape di debutto di Iceboy Violet. Un post-grime sperimentale sospeso tra vulnerabilità e abrasione.

Leggi di +
Card image
Raccomandazioni #27:A LETTER FROM TREETOPS – Pneumatic Tubes

Treetops è un Campo Estivo in America. Durante gli anni ‘60 il padre di Jesse Chandler (moniker dietro Pneumatic Tubes) trascorreva le sue estati insieme alle sue tre sorelle in questo campeggio. Erano mesi fuori dal tempo ordinario. Erano mesi immersi in una realtà parallela. Estati fatte di tuffi e bagni nel Lake Placid (“Joyus […]

Leggi di +
Card image
Raccomandazioni #26 : Slow Girl per riscoprire i VIA FONDO

Cerchiamo sempre la novità, proviamo a scovare l’ultima uscita, una ricerca continua per dire qualcosa che non è già stato detto. Ma la novità è migliore di per se? Il nuovo è sempre raccomandabile? Certamente no. Ogni tanto fa bene guardarsi in dietro e riesumare esperienze finite ma ancora valide. Per questa raccomandazione proverò a […]

Leggi di +
Card image
Raccomandazioni #25 : Parco acquatico hardcore con i Big Water

Immaginate un’enorme massa d’acqua, immaginate la quiete, il sole che scotta e gli uccellini che cantano. Poi il clima cambia, si guasta e arriva un bel ventone che agita l’acqua e vi ritrovate sbalzati tra le onde. Adesso immaginate che quest’acqua agitata sia un EP di 10 minuti di un trio americano e avremo Park […]

Leggi di +
Card image
Raccomandazioni #24: Fulu Miziki – Ngbaka EP. Afro-Punk dalla spazzatura.

Tubi di plastica e alluminio, case di computer, vecchi CD, bidoni, contenitori di latta, ciabatte abbandonate. Fulu Miziki si può tradurre come “musica dalla spazzatura”, ed è la definizione più semplice della pratica artistica di questo collettivo di Kinshasa. I suoi membri passano le giornate nelle discariche, recuperano la qualunque, e ci costruiscono strumenti musicali, […]

Leggi di +
Card image
Perché Sanremo è Sanscemo.

Insieme alla mia amata redazione, chi più chi meno, abbiamo deciso di seguire la cosa più oscena che l’Italia abbia mai prodotto (coi soldi pubblici s’intende): il festival di Sanremo. Era doveroso quindi fare un reportage dei fatti per come sono andati. Durante la riunione di redazione, che sono caotiche esattamente come ve le immaginate, […]

Leggi di +
Card image
Raccomandazioni #23: Go Dugong – Meridies. Tarante per contadini in acido

Le riscoperte della taranta – e delle culture popolari del meridione – non sono più una novità. La Notte della Taranta esiste dalla fine del secolo scorso, e cerca di tenere insieme clima di festa e valorizzazione del patrimonio culturale. Nel mondo underground, già da anni musicist* divers*, dalla Piramide di Sangue a Mai Mai […]

Leggi di +
Card image
Raccomandazioni #22: Le scelte della vita, la luna e i Rookie Card

Supponiamo tu sia in grado ogni notte di fare qualsiasi sogno tu voglia. E che, ad esempio, potessi avere il potere di sognare in una notte un tempo di settantacinque anni. Oppure qualsiasi durata di tempo volessi. E che naturalmente, avendo iniziato quest’avventura di sogni potessi soddisfare tutti i tuoi desideri. Potresti avere ogni tipo […]

Leggi di +
Card image
Raccomandazioni #21 : i Floatie e il math morbido

Un quartetto di amici di Chicago nel 2018 ha deciso di essere molto di più e formare una band. Il loro nome descrive come ti senti ascoltando il loro disco, fluttuante, sospeso, un galleggiante. Eppure dietro i testi, ricchi di ripetizioni come le musiche, qualcosa di reale e terreno sembra esserci. Dai loro social sono […]

Leggi di +
Card image
Raccomandazioni #19: Moin – Moot!

Aspettavo con impazienza il nuovo album dei Vanishing Twin ed ecco, mi ha un po’ deluso :/ Oddio, è un bell’album, ma l’ho trovato meno eccitante delle loro cose passate. Comunque, sembra stia ricevendo un bel po’ di stampa, il che ha portato a (ri)accendere i riflettori sulla miriade di roba che la batterista/percussionista Valentina […]

Leggi di +
Card image
Raccomandazioni #20 : Straziante e dolce, Algae Bloom

Inizia docile, poi si rivela in tutta la sua natura. Un urlo straziante, una chitarra agrodolce e una batteria suonata in piedi, che aggiunge un elemento estraneo, ritmicamente simile alle altre eppure esotica allo stesso tempo. All’inizio lo senti che manca la pacca e hai un po’ di resistenza. La batteria all’in piedi crea vuoti […]

Leggi di +
Card image
Raccomandazioni #18: Folk Tapes – Maria Valentina Chirico

Folk Tapes Maria Valentina Chirico lo ha scritto da sola in casa durante i giorni del lockdown, <<avendo sempre negli occhi un sentiero verso una casa di montagna>>. L’opera è una raccolta di piccoli e delicati quadri autunnali dai toni pastello simili a dei Lieder e avvolti da un’aura sacra e sognante. Maria Valentina Chirico […]

Leggi di +
Card image
Raccomandazioni #17 : Correre fino a schiantarsi, questo è Fanciullino

Sai com’è, quando lavori fai sempre tardi a tutto. E così è stato. Partono da Pisa, traffico, almeno è giovedì. Arrivi a Bologna, gli altri stanno già mangiando e loro scaricano e montano. Sound check e via sulla pasta, ne rimane pure un po’. Gente umile a ‘sto giro. Pausa neanche troppo lunga e poi […]

Leggi di +
Card image
Raccomandazioni #16 :Fire-Toolz – “Eternal Home”

Non c’è niente, in giro, che suoni come Fire-Toolz. Angel Marcloid è una che non perde mai l’ispirazione: fa uscire quintali di musica sin dagli anni Novanta, in un range stilistico che va dall’harsh noise alla musica da canali delle previsioni del tempo. Fire-Toolz è un po’ la summa del suo universo sonico, capillare e […]

Leggi di +
Card image
In memory

Una rara malattia ha portato via troppo presto Jacko. L’universo guadagna una nuova stella punx. Ciao Jacko!

Leggi di +
Card image
Raccomandazioni #15: Discepolato Nella Nuova Era – Luce Celestiale

Come lo scorso, anche questo mese vi raccomando uno sviaggio interdimensionale. Gli artefici di questa nuova avventura sonica sono la pittrice andalusa Lorena Serrano Rodriguez e il musicista elettronico toscano Devid Ciampalini, componente anche dei New Jooklo Age, dei Metzengerstein e patron del collettivo\etichetta discografica Ambient Noise Session.  L’album, il primo del duo, è stato […]

Leggi di +
Card image
Yosonu: anima e corpo… e barattoli.

La prima volta che ho sentito un disco di Yosonu ho capito subito che c’era uno di noi dietro il progetto, qualcuno che ha un’idea completamente folle e che decide di metterla in piedi lo stesso. Poi ovviamente l’ho chiamato a suonare. Giuseppe “drumz” Costa, classe ’80, comincia nella sua Vibo Valentia dalla tastiera, metteva […]

Leggi di +
Card image
Raccomandazioni #14: Jolly Mare – Epsilon

Da qualche anno ormai, un continente trasversale della musica italiana anni 70-80 è oggetto di omaggi, recuperi e rivisitazioni. Si tratta di un continente vasto e diversificato, ma dai contorni precisi: la library music e le colonne sonore che intrecciavano synth analogici e riffoni funk, il progressive più groovy e latino, fino alle ipotesi dance […]

Leggi di +
Card image
Raccomandazioni #13: Ti ricordi il lockdown? Eravamo una Self Isolation Family

Pensa, cosa stavi facendo un anno fa e mezzo fa? Abbiamo vissuto un periodo unico in cui tutti sapevamo dove eravamo, a casa. C’era chi lavorava da remoto, chi era sospeso nel nulla cosmico non sapendo cosa fare, chi magari era già bloccato a casa con i propri mostri. In quel momento la musica live […]

Leggi di +
Card image
Raccomandazioni #12: Lay Llamas – Sunburned Dreamlike Safari

A Nicola Giunta National Geographic aveva commissionato la realizzazione delle musiche per un documentario in Africa Centrale. Accettato il lavoro, vola in Tanzania per fare un sopralluogo e alcune registrazioni sul campo. Qualcosa però va “storto”: ingerisce, in una calda giornata estiva, un Rambutan non ancora maturo. Quindi la testimonianza sonora, che in origine doveva […]

Leggi di +
Card image
Raccomandazioni #11: Orchestre Tout Puissant Marcel Duchamp – “We’re OK. But We’re Lost Anyway”

La prima volta che mi sono imbattuto negli Orchestre Tout Puissant Marcel Duchamp (d’ora in poi OTPMD), la prima volta che mi sono imbattuto nel loro nome e nelle loro grafiche, ho provato una sensazione ambigua, di attrazione e repulsione. La repulsione veniva dalla percepibile ironia di quel nome: visi (in gran parte) pallidi svizzeri […]

Leggi di +
Card image
Raccomandazioni #10 : Abbiamo tutti bisogno di Home is Where

Saltavo avanti di canzone in canzone sul feed di Bandcamp, non trovavo nulla. Ad un certo punto Assisted Harakiri cattura la mia attenzione, dopo 5 secondi mando avanti. Ho pensato “questa è la solita cagata emo a voce pulita per il “grande” pubblico”. Non fa per me. Sono tornato in dietro e l’ho riascoltata tutta, […]

Leggi di +
Card image
NICOLA BRAMI. Scrittore, musicista, viaggiatore.

Prestare i libri per me è impensabile, come per i dischi d’altronde. Li considero il mio tesoro più prezioso e l’idea che qualcun altro ci metta le mani sopra mi disturba non poco. Per questo rimango sempre basita quando qualcuno ne presta uno a me: subito mi investe un senso del dovere atipico, proteggere quel […]

Leggi di +
Card image
Raccomandazioni #9: Znous, Violenza HC dal Caos Tunisino

Nel momento in cui scrivo questo articolo, in Tunisia sta succedendo un casino. Per farla brevissima, un clima di totale stallo politico, corruzione endemica e incapacità di governare ha gettato il Paese sull’orlo del baratro economico e sanitario: il Covid uccide quasi 200 persone al giorno, negli ospedali manca l’ossigeno, la campagna vaccinale è un […]

Leggi di +
Card image
Raccomandazioni #8 : II – Il sogno amaro dei Chivàla

Spero tutti abbiate vicino o lontano persone con cui avete un’intesa, che vi capiscono e che capite, senza dover per forza dire tutto. Gli anni affinano il rapporto e sviluppano qualcosa di unico. Per fortuna il mondo sarà pieno di relazioni di questo tipo, ma almeno una di queste è in Puglia, a Bari. Lì […]

Leggi di +
Card image
Alessandro Grazian: libertà caotica genera artisti.

Padovano d’origine, milanese d’adozione da oltre 12 anni, Alessandro Grazian è un’artista che si è formato da solo: musicalmente autodidatta, mi stupisce quando mi racconta che viene da una famiglia dove la musica non circolava quasi per nulla. Mi racconta che ha scoperto quello che sarebbe diventato il suo mondo alle scuole medie, anche se […]

Leggi di +
Card image
Raccomandazioni #7 : Screamo a 21° C per Alas

A Bologna ci sono 33° C, a Ragusa la massima è 39° C. Finalmente i locali stanno riaprendo, ma a vedere i concerti mi sento un vaso di terracotta. Entro grigio e umido ed esco rosso e caldo. Sarà per questo che vorrei vedere un concerto, ma a Jyväskylä, in Finlandia. Lì oggi ci sono […]

Leggi di +
Card image
Raccomandazioni #6: Spano. – s/t

“Il progetto è nato un po’ di tempo fa: con Fano ci conosciamo da anni, lui è un producer di hip hop con cui ho già collaborato in passato. All’inizio, un po’ ingenuamente, avevamo pensato di coinvolgere nel progetto alcuni rapper internazionali, proponendo i nostri brani come basi, ma abbiamo rapidamente fatto marcia indietro. Prima ancora […]

Leggi di +
Card image
Lavoratori dello spettacolo #2: Andrea Iozzia

Classe ’90, modicano doc come la cioccolata, praticamente nasce tra bauli e microfoni: Andrea Iozzia è uno di quei lavoratori dello spettacolo con la cosiddetta “vocazione”. La sua fortuna è quella di essere soprattutto un ottimo musicista, e ce lo ricordiamo benissimo il suo esordio un paio d’anni fa con “Block Notes”: chitarrista dall’età di […]

Leggi di +
Card image
Raccomandazioni #4 : Un rituale di nome Rainmaking – s/t

Oggi piove, l’estate è alle porte ma non importa. Forse è meglio così, l’acqua viene giù, bagna e lava. Nuovi semi germineranno e nuova linfa scorrerà. D’altronde l’umanità ha sempre cercato la pioggia. Esistono tracce di rituali per far piovere in tutti i continenti o quasi. Una danza, un canto, una preghiera, un rito propiziatorio […]

Leggi di +
Card image
Raccomandazioni #5: Wu-Lu, il magma di South London

Succedono un sacco di cose nella musica britannica di oggi: (come sempre?) l’isola ribolle di mondi musicali. C’è la New Britannia, il suono del cemento, delle diaspore nere, della rabbia nel cuore di un Impero che non sa di non esistere più – il rap, il grime, la drill, l’afrobeats. C’è la British Jazz Explosion, […]

Leggi di +
Card image
Franco Battiato: Un mio ricordo.

La mattina del 18 Maggio mi sveglio, mi metto a leggere due notizie a letto con gli occhi ancora appiccicati dal sonno e bruciati dal sole che filtra dalla finestra ed ecco che leggo che è morto Franco Battiato. Il Maestro. Notizia era nell’aria purtroppo da qualche anno, data l’assenza dalle scene musicali protrattasi nel […]

Leggi di +
Card image
NICOLA MANZAN: BERVISMO PER PIU’

Mi sveglio una mattina è vedo che Nicola Manzan ha pubblicato un disco, qualche buona notizia ‘sto 2021 ce la regala. Mi metto subito in contatto con lui e riesco ad agganciarlo per un’intervista, che si prolunga per quasi 3 ore, letteralmente volate. Parliamo del periodaccio che stiamo vivendo, nonostante tutto sta lavorando e mi […]

Leggi di +
Card image
Lavoratori dello spettacolo: #1 Josie Cipolletta.

Napoletana, capoverdiana, laureata in lingue orientali, l’idea che la stuzzica è quella di riuscire a creare un ponte artistico tra oriente e occidente, ha due master in marketing dello spettacolo e rappresenta l’Italia al programma internazionale Keychange (PRS Foundation – Creative Europe Programme); ha lavorato per teatri, club ed eventi culturali e musicali in Italia […]

Leggi di +
Card image
Massimo De Vita: musicista, compositore, cantautore, produttore (e altre mille cose probabilmente).

Ho conosciuto Massimo dopo aver visto un concerto dei Blindur qui in Sicilia, è salito sul palco e ha esordito così: “mi dicono che stasera c’è tanta gente, potrebbe far paura, ma una volta un amico mi disse di immaginare il pubblico nudo per mettermi a mio agio…io gli risposi che mi immagino sempre la […]

Leggi di +
Card image
Raccomandazioni #1: Fantas Variations – Caterina Barbieri

Fantas, made-up word tra fantasy e ghost, è il brano di apertura dell’album “Estatic Computation” (2019) di Caterina Barbieri. Un brano lungo 10 minuti e denso di silenzi, momenti improvvisi di trance, visioni, stasi e movimento.  Dopo due anni dall’uscita la compositrice decide di conferirgli nuova vita, facendolo ri-suonare da amici e collaboratori. Walter Zanetti, […]

Leggi di +
Card image
Raccomandazioni #2: Piegare la carta, piegarsi l’animo: One Dying Wish – Origami (2020)

Sono in auto, sedile posteriore, durante un’ accesa discussione su Torino, i suoi viali e suoi temibili “contro-viali” mi addormento. Quando mi risveglio siamo immersi nella nebbia, non si vede nulla se non la panda che stiamo seguendo. Arriviamo a Carmagnola (TO), entriamo in casa, è la casa di una famiglia. Ci sono le foto, […]

Leggi di +
Card image
Raccomandazioni #3: Alkisah e le sue millemila permutazioni

Qualche tempo fa, in un thread su Twitter, Holly Herndon suggeriva che dovremmo pensare la musica oltre lo streaming. Che senso ha appaltare il nostro rapporto con la musica, e in effetti le nostre rappresentazioni del mondo, a un sistema che ne stabilisce il valore in base ai riascolti, ai posti in playlist, e a […]

Leggi di +
Card image
Seks, droga, Bodiroga

La Pallacanestro, non il basket, è una metafora della vita. Nella città di Kammir vige l’usanza di non scandire la vita in anni, bensì in momenti in cui si è “goduto”; per “godere” ognuno di voi intende quello che vuole (lavoro, arte, degustazione di vini, di uomini, di vizi), io traggo godimento in quei 40 […]

Leggi di +
...

LE RECENSIONI GRIND

A CURA DI RENATO FAILLA

CINQUE DISCHI CONSIGLIATI VELOCEMENTE E CON SPOCCHIA

...

LE RECENSIONI SHATTER

A CURA DI ANDREA "UOVO" MARCHESE

5 DISCHI SCONSIGLIATI CHE PERO' ASCOLTERAI LO STESSO

dollis hill tapes

DOLLIS HILL TAPES

A CURA DI CARLO H. NATOLI